La scuola ai tempi del Coronavirus

Da alcune settimane stiamo vivendo uno stato di emergenza e le scuole si stanno sperimentando nella didattica a distanza, con grandi sforzi, entusiasmo, passione per il proprio compito e ruolo.

Le situazioni incontrate sono molto differenti. Alla luce di quanto sperimentato, nella condizione di assoluta novità per la nostra scuola, piace fissare alcuni punti di riflessione, che abbiamo cercato di ordinare attraverso alcuni focus di osservazione. In premessa vogliamo ricordare che forse la sfida maggiore oggi probabilmente non è quella del procedere degli apprendimenti, ma quella della continuità all’inclusione. La scuola è costituzionalmente inclusiva; garantire pari accesso alle risorse, agli stimoli, alle sollecitazioni, ai ritorni, alle gratificazioni, richiede che gli insegnanti conoscano quali possibilità di accoglienza possano avere le loro proposte rivolte alle famiglie. La situazione di emergenza che stiamo vivendo rischia di amplificare le differenze individuali, cosa che, se da un lato esalta la possibilità della diversità come valore, purtroppo incrocia anche il rischio della discriminazione.

pdfLEGGI IL DOCUMENTO COMPLETO

A cura del Servizio FARE, DISFARE, IMPARARE.  Prendersi cura e potenziare l’apprendimento.

Equipe

Anita Ricetti pedagogista, esperta in DSA

Melissa Bianchini, psicologa, esperta in DSA

Celeste Maiolani, logopedista

Ilaria Masa, terapista della neuropsicomotricità dell’età evolutiva

Ivonne Biscotti, psicologa, psicoterapeuta, supervisore.

© Forme Impresa Sociale | Privacy Policy | Cookie Policy

designed by Pura Comunicazione